La filotea

Ciao!

Prima di partire per le vacanze ho deciso di scrivere questo piccolo post come un “arrivederci a fine agosto, passate pure bene il tempo con Cristo”. Spesso mi capita di rendermi conto che nella propria vita bisogna meditare perchè altrimenti si corre il rischio di predicare bene e razzolare male (causando scandalo negli altri). Nel vecchio testamento abbiamo pagine e pagine piene di rimproveri del Signore che (tramite i profeti) denunciano persone che vanno in sinagoga e poi dopo si dimostrano spietate contro i più deboli, l’amore verso il Signore e verso il Prossimo sono sempre imprescindibili. E la cosa che balza agli occhi è che tutti si credono nel giusto (!) o la parabola di Gesù quando il Signore chiuderà la porta e molti rimarranno fuori e allora loro diranno “abbiamo profetato, fatto miracoli (!) e mangiato alla tua mensa!” ma Egli dirà: non vi conosco! (Luca 13 23,28) Questo ammonimento di Gesù, lo stiamo prendendo sul serio?

Esame di coscienza

Ho letto varie cose, molti fanno l’esame di coscienza sui 10 comandamenti (tipo: Io sono il Signore Dio tuo…cosa significa? per esempio che un cattolico non deve ricorrere agli astri, astrologia o affini…), ho poi letto in parte un libro chiamato la Filotea di San Francesco da Sales che (sebbene sia pesante) credo che possa dare qualche consiglio utile che provo ad elencare.

Descrizione della Vera Devozione (capitolo 1)

Gli atti esteriori spesso non corrispondono a quelli interiori. Si può parlare bene ma agire poi male.
Non si è devoti se si prega male o si conservano delle zone d’ombra nella propria vita. I piccoli
errori commessi all’inizio di un’opera s’ingigantiscono e se non corretti in tempo fanno compiere
danni enormi.
Per essere buoni ci vuole la
carità e per essere devoti, oltre alla carità, bisogna avere grande vivacità e prontezza nel
compiere
gli atti. – citazione da la Filotea capitolo 1

Caratteristiche ed eccellenza della Devozione
(capitolo 2)

La gente del Mondo dice tutto il male sulla devozione (persone tristi, immusonite, malinconici ecc..)
ma lo Spirito Santo ci dice che la vita devota è dolce, facile e piacevole. Le persone devote
incontrano situazioni amare ma sanno addolcirle vivendole nel giusto modo.
Guarda l’ape sul timo: ne può ricavare soltanto un succo amaro, ma succhiandolo lo
trasforma in
miele, perché questa è la sua caratteristica. – citazione da la Filotea capitolo 2

La Devozione nella vita professionale
(capitolo 3)

Ogni persona può esercitare la Devozione anche se compie mestieri diversi ognuno secondo le
proprie forze. Non dobbiamo compiere azioni che non corrispondano al nostro ministero per non
suscitare confusione.
Se la devozione è autentica non rovina proprio niente, anzi perfeziona tutto; e quando va
contro la vocazione legittima, senza esitazione, è indubbiamente falsa. – citazione da la
Filotea capitolo 3

In ogni caso suggerisco di ritagliarsi un momento nella propria vita per ascoltare la Parola del Signore e meditarla (tipo: cosa mi dice? c’è qualche esempio che possa essermi utile?). A questo indirizzo troverete la pagina VANGELO DEL GIORNO. Mi raccomando, date al Signore un momento della vostra vita….

Questa voce è stata pubblicata in varie e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento